LA STORIA DEL “CARDUCCI”